Patologie del geco

Le patologie riscontrabili in questa specie dipendono molto spesso dalle modalità di gestione alimentare ed ambientale.
Lo scopo di questa guida è quello di elencare i problemi a cui questa specie può andare in contro per prevenirli e riconoscerli. Per la diagnosi e il trattamento è necessario la visita di un veterianrio.

Malattia ossea metabolica (MOM)

Può essere evidenziata da accorciamento e rammollimento delle mandibole ed a volte delle mascelle elastiche. Occasionalmente può essere presente osteodistrofia fibrosa delle ossa degli arti, che si manifesta con un gonfiore soprattutto a livello femorale. Altri segni possono essere difficoltà di movimento e di mantenere il corpo sollevato da terra oltre a vari segni di malessere generale. E’ causata principalmente da una carenza di calcio e/o vitamina D3 nella dieta o da una dieta sbilanciata per quanto riguarda il rapporto Ca:P (calcio:fosforo).

Impaccamento gastrico ed intestinale

Queste patologie sono causate dall’ingestione di materiale di substrato (come la sabbia, sassolini di piccola grana) come fonte di calcio extra. Se questa viene ingerita in eccesso può causare un’occlusione intestinale che può portare alla morte dell’animale. Queste evenienze accadono maggiormente nei giovani animali e nelle femmine in riproduzione. Per questo motivo la sabbia è sconsigliata come fondo per i tarrari. Attenzione perchè anche i substrati a base di carbonato di calcio che si trovano in commercio come “digeribili” se ingeriti in grande quantità possono greare costipazioni anche letali.
Per evitare questo problema è importante mantanere gli animali su substrati non corpuscolati (almeno i giovani e le femmine), è inoltre imprtante mettere sempre il cibo in ciotole in modo da evitare l’assunzione accidentale di substrato. Può anche accompagnarsi a prolasso rettale. Anche l’ingestione di insetti contentenenti un alto contenuto di chitina puo causare ostruzione.
Questa patologia può associarsi a prolasso della cloaca.

Disecdisi Problemi di muta

I problemi di muta possono essere molto seri. Si rilevano come porzioni di cute che non viene correttamente tolta dall’animlae. La permanenza di questa soprattutto a livello delle porzioni distali come dita e coda può causare infezioni, necrosi e perdita di queste parti per la formazione di anelli che schiacciano il tessuto sottostante determinandone la necrosi ischemica. Questo problema è spesso correlato alla cattiva gestione dell’animale soprattutto alla carenza di umidità e di trifugi umidi. Importante non cercare di rimuovere la cute ritenuta senza averla prima inumidita avvolgendo l’animale con della carta umida.

Distocia o Ritenzione delle uova

Puo capitare che la femmina gravida non riesca a deporre le uova.
Spesso la causa di questo problema è la carenza di calcio.
La risoluzione prevede l’intervento del veterinario ed è quasi sempre di tipo chirurgico.

Patologie resppiratorie

Vengono riscontrate in animali esposti a temperature basse. La sintomatologia è di tipo respiratorio con scolo nasale e alterazione della respirazione. In questi casi è importante l’immediata corresione della temperatura e il trattamento antibiotico specifico. Se l’infezione si aggrave può portare alla perdita dell’animale.
Prolasso rettale o degli emipeni
S’intende la fuoriuscita della mucosa del retto e degli emipeni. Le cause possono essere diverse. Come primo soccorso è importante tenere inumidita la parte prolassata nell’attesa della visita veterinaria.

Prolasso rettale o degli emipeni

S’intende la fuoriuscita della mucosa del retto e degli emipeni. Le cause possono essere diverse. Come primo soccorso è importante tenere inumidita la parte prolassata nell’attesa della visita veterinaria.

Stomatiti

Con questo termine si intentde l’infezione del cavo orale e delle strutture in esso contenute.
Spesso sono il risultato di combattimenti o lesioni all’interno del tarrario. A seguito di un danno primario si può avere un infiammazione ed infezione secondaria. Spesso sono correlate a problemi gestionali che causano un abbassamento delle difese immunitarie.
Perdita della coda o parti di essa
La causa di questo può essere traumatica oppure dovuta a problemi di muta.

Gastroenterite

Consiste nell’infiammazione di stomaco e intestino. Le cause possono essere diverse. La sintomatologia consiste in anoressia, letargia, diarrea, rigurgito. Gli agenti eziologici possono essere diversi.

Parassiti

Vi sono diversi tipi di parassiti. Solitamente vengono divisi in 2 grandi categorie: gli ectoparassiti (parassiti esterni) e gli endoparassiti (parassiti interni).
Gli endoparassiti vanno valutati mediante lavaggio del colon ed esame delle feci. Si consiglia di effettuare l’esame delle feci almeno una volta l’anno.
Gli endoparassiti riscontrabili possono appartanere alla specie cestoda, trematoda, acantocephala e soprattutto nematoda (1)
Questi ultimi danneggiano in modo grave la mucosa intestinale provocando sintomatologia gastroenterica anche molto grave. Sono molto contagiosi e resistenti nell’ambiente, richiedono terapie specifiche potenzialmente pericolose per l’animale.
Criptosporidiosi
Malattia protozoaria piuttosto contagiosa che può portare a perdita d’intere colonie.

Ferite

Spessono si riscrontrano negli animali mantenuti in gruppi. Esistono diversi tipi di ferite con terapie differenti a seconda dell’entità e della localizzazione del danno.


Scheda scritta dalla Dr.ssa Oriana Marcon.

(1) J Herpe Med Surg
Parasites in 30 Captive Tokay Geckos, Gekko gecko
J Herpe Med Surg 14[2]:21-25 Summer'04 Original Study 30 Refs
* David J. Reese, DVM, JM Kinsella, PhD, Jacqueline M. Zdziarski, DVM, Qi-Yun Zeng, MD, Ellis C. Greiner, PhD
* Department of Pathobiology, College of Veterinary Medicine, University of Florida, Gainesville, FL 32610, USA

Facebook Fan Page Del Geco Leopardino

Clicca qui' sotto per tornare a inizio pagina

Patologie del geco


Copyright © 2009-2010 www.geco-leopardino.com
Product by Luigi Ciavolino